Home | Eventi nel mondo | Notizie Sul Turismo | 5 Buoni Motivi Per Non Fare Una Intervista

5 Buoni Motivi Per Non Fare Una Intervista

IntevisteE’ divertente un titolo come “5 buoni motivi per non fare una intervista” detto da chi, di interviste, ne fa il suo pane quotidiano, e quindi da un blog che è nato esclusivamente per le interviste online come Nerverland.

Ma riflettendoci un pò su, e continuando a leggere questo articolo, anche tu capirai come effettivamente non sempre è producente fare una intervista online, o, per meglio dire, non ha solo vantaggi, ha anche alcuni svantaggi.

Cosa spinge prima di tutto, tanti blogger a fare delle interviste:

Ho letto molti articoli che consigliano di fare interviste e, molti altri articoli, consigliano di fare interviste quando “non si hanno idee su cosa scrivere”… Ed ecco dunque che passo ad analizzare io, penso per la prima volta, 5 buoni motivi per non fare una intervista1 – Le domande che si fanno sono le solite, trite e ritrite, con le solite risposte!

Spesso leggo tantissime interviste e le domande che trovo sono sempre le stesse “come hai iniziato, quanto guadagni, come guadagni, adsense, …” Non è molto utile fare sempre le stesse domande agli intervistati, se proprio si rende necessaria una intervista cerchiamo di trovare qualcosa di originale nell’intervistato e non i soliti pacchetti preconfezionati di domande – risposte!

2 – Le interviste aumentano davvero il numero di visitatori?

C’è chi dice che fare una intervista aumenta le possibilità di ottenere più visitatori. E’ davvero così? Ragioniamoci insieme un attimo: io intervisto Robin Good e scrivo nel titolo “Intervista Robin Good”…. Ma quante persone cercano intervista Robin Good? E quante persone troveranno il mio articolo fra le decine di interviste dedicate a Robin Good? Ed ho utilizzato come esempio Robin Good perchè è uno dei personaggi più in vista nel panorama blogging italiano, pensiamo se intervistiamo persone meno conosciute il risultato che otterremo

3 – Si fanno interviste per… Colmare i vuoti?

Oggi non so cosa scrivere. Tiro su una intervista in dieci minuti e ho colmato il buco che altrimenti avrei avuto. Ma quest’intervista… ha davvero del contenuto originale? Ho davvero fatto un buon lavoro? O semplicemente ho coperto un buco che si sarebbe altrimenti creato all’interno del blog? Ecco, moltissime persone scrivono interviste per colmare buchi, non per dare informazioni. Ed ecco uno dei difetti di molte interviste!

4 – Chi intervisto?

Ecco un altro grandissimo problema che in realtà in pochi si pongono. Chi intervisto? Ma si, intervistiamo i soliti noti, otteniamo forse più successo ma, vediamo i lati negativi di intervistare i soliti noti. Come già detto soliti pacchetti domande – risposte (non è  colpa degli intervistati a mio avviso, ma se si fanno sempre le solite domande, cosa vuoi che si risponda?), e soprattutto non si dà visibilità ai piccoli che magari scrivono bene, ma non hanno ancora il meritato successo… Quindi… perchè intervistare sempre i soliti noti?

5 – Una intervista spesso… è fuori tema con l’argomento del blog!

Spesso nelle interviste si parla di “Guadagno online”, “chi sei”, “cosa fai”, “i tuoi progetti”, ma, effettivamente, il tema trattato nell’intervista non è molto pertinente con il blog (a meno che io non parlo di guadagno online e non intervisto sul guadagno online), quindi rischio anche di uscire dalla mia nicchia con l’intervista….

Ecco alcune piccole riflessioni… tu cosa ne dici? E’ davvero così utile scrivere una intervista in un blog che non tratta di interviste?

Resta Aggiornato: Iscriviti Alla Newsletter

Check Also

Ottenere il modulo ESTA per entrare negli USA

Ottenere il modulo ESTA per entrare negli USA

Fare una vacanza in America è sicuramente il sogno di tutti, proprio perché gli USA …

Un commento

  1. Francesco Gavello

    Che dire, mi sembrano consigli estremamente sensati 🙂

    Tirare su un’intervista giusto per tappare un buco o per seguire il trend non ha granché senso.

    Diverso invece il caso in cui rappresentino la voglia dell’autore di “espandere” un po’ i propri orizzonti tirando dentro opinioni nuove sullo stesso argomento, cosa che soprattutto per i blog più maturi potrebbe rappresentare un semplice modo di svecchiare il dialogo.

    Certo è che come per tutte le cose, se si finisce per abusarne e perdere di vista il nocciolo duro del blog (quello per il quale siamo apprezzati da chi ci legge) potrebbero essere piuttosto controproducenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *