Home | Viaggi Nel Mondo | Viaggi Oltreoceano | La mitica Route 66: da Chicago a Los Angeles
La mitica Route 66: da Chicago a Los Angeles

La mitica Route 66: da Chicago a Los Angeles

La mitica Route 66: da Chicago a Los Angeles

La mitica Route 66: da Chicago a Los Angeles

Per gli amanti dell’avventura “on the road”, il continente americano è senza dubbio un luogo ricco di possibilità. Gli Stati Uniti rappresentano il Paese che più di ogni altro è entrato nell’immaginario collettivo sotto questo punto di vista.

Negli USA, infatti, sono numerose le strade che affascinano decine di migliaia di turisti avventurieri, ma tra queste la più famosa è certamente la Route 66: un magico corridoio che da Chicago attraversa gli States fino alle coste dell’oceano Pacifico.

La Route 66 si districa attraverso ben otto Stati: Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, Nuovo Messico, Arizona e California. Già nei primi tre è possibile rendersi conto di quanto ci aspetta: le distanze, come in tutti gli Stati Uniti, sono enormi, ma i chilometri non pesano per nulla. Per tutti gli avventurieri che arrivano solo con uno zaino in spalla e voglia di viaggiare un autonoleggio negli USA aiuta nell’impresa!

La Historic Route 66 (questo l’odierno nome dell’antica Highway) è molto di più di una semplice strada. Chi sceglie questi luoghi, infatti, è attratto dalle mille particolarità di questo percorso, che, paradossalmente, stanno proprio nella sua lineare semplicità. Come se la visione costante del nulla nelle lunghissime strade, per chissà quale magia, diventasse ogni volta un momento catartico di ricerca.

Basta una vecchia stazione di servizio oramai in disuso, un piccolo villaggio abbandonato, un cartello rovinato dal tempo e l’incantesimo ha inizio. Sarà per la storia che si respira su questa strada, sarà pure per il cinema che ne ha fatto un vero e proprio mito per molte generazioni, Route 66 è oramai una vera e propria calamita per migliaia di appassionati.

Certo è un viaggio che richiede tempo! Con circa due settimane e una buona disponibilità a spendere gran parte del tempo sulle quattro ruote del nostro bolide americano, saremo in rampa di lancio per il nostro viaggio “on the road”.
L’itinerario, di norma, comincia sempre e comunque da Chicago. Questa grande metropoli viene molto spesso sottovalutata, quando in realtà ha davvero molto da offrire. A iniziare dallo Skyline, uno dei più interessanti del continente, per arrivare fino al grazioso quartiere dell’Old Town, così vicino nello spazio eppure tanto lontano dalla modernità dei grattacieli.

Riparte la marcia, attraverso l’Illinois, tra decine di storiche stazioni di servizio, alcune delle quali sono state restaurate e riportate ai fasti del periodo dorato della storia di questa strada.

A Springfield si può fare un tuffo nella storia sulle orme dell’amatissimo presidente Lincoln e, perdendosi tra le tante variazioni della Route, si percorrono Missouri e Kansas fino a giungere a Oklahoma City.

Appena arrivati in periferia, impossibile non fare tappa presso il famoso Fort Reno, un vero e proprio forte militare attivo dal 1874. Attraverso le interminabili praterie del Texas si arriverà nel New Mexico, territorio in cui è molto facile seguire il tragitto originale dell’antica Route 66 fino a Santa Fe.

In questi luoghi c’è un’altra variante della famosa Las Vegas, non è quella dei giochi e del divertimento ma una piccola cittadina semi-abbandonata con una main street davvero degna di nota. Attraverso l’Arizona si giunge in Nevada. Da lì, e in particolar modo da Las Vegas (quella più nota, tappa immancabile del viaggio), la Route 66 giunge quasi alla sua conclusione. Fine ideale dell’itinerario è certamente Los Angeles, una città che tutti abbiamo sognato di visitare almeno una volta nella vita.

La vacanza sarà corsa via, sulla strada, e si torna a casa son un sorriso sulle labbra.

Resta Aggiornato: Iscriviti Alla Newsletter

Check Also

voli low cost per l'argentina

Vacanze in Argentina: Quali Voli? Compagnie Aeree

Come si fa ad arrivare in Argentina partendo dall’Italia? Siamo ad undicimila km di distanza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *