Home | Viaggi Nel Mondo | Viaggio a Rio De Janeiro Luoghi Da Vedere Guida
Viaggio a Rio De Janeiro Luoghi Da Vedere Guida

Viaggio a Rio De Janeiro Luoghi Da Vedere Guida

Viaggio a Rio De Janeiro Luoghi Da Vedere Guida

Viaggio a Rio De Janeiro Luoghi Da Vedere Guida

Uno dei simboli di Rio de Janeiro è il Corcovado, la montagna che ospita in cima la statua del Cristo Redentore, alta più di trenta metri, le cui braccia aperte benedicono la città.

Sui fianchi della montagna si trova il Parco Nazionale di Tijuca, la foresta urbana più grande del mondo, che ospita eucalipti, jacarande, manacas, jaqueiras. Nel 1991 fu dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità e Riserva della Biosfera.

La vista dalla cima è pura estasi, magnifica sia di giorno che di notte: la baia azzurra di Botafogo, il complesso formato dal Pan di Zucchero e il Morro da Urca e tutta la Baia di Guanabara.

L’Oceano Atlantico, che lambisce le spiagge di Copacabana, Ipanema e Leblon. Non lontano si può intravedere il Jardim Botanico, l’Hipodromo do Jockey Club Brasileiro e la Lagoa Rodrigo de Freitas. In lontananza il centro della città, ricco di edifici e di una movimentata vita urbana, e la Zona Nord, fino a dove può arrivare lo sguardo. L’altro innegabile simbolo di Rio de Janeiro è il Pan di Zucchero, di indicibile bellezza e formato anche dal Morro da Urca. Entrambi sono a guardia dell’ingresso alla Baia di Guanabara, parte di un privilegiato e armonioso scenario naturale.

Dal Morro da Urca, che si raggiunge grazie alla prima tappa della teleferica, si gode di una splendida vista della rientranza di Botafogoa e della Baia di Guanabara. La natura mostra una rigogliosa Mata Atlantica nella sosta tra il Morro da Urca e la montagna del Pan di Zucchero. Proseguendo con la teleferica fino a circa 1.000 mt. slm. si giunge fino al blocco monolitico del Pan di Zucchero, che offre un panorama mozzafiato della Baia.

Molti i monumenti che raccontano la storia della città: dalla Rio Coloniale, con la più antica piazza della città, e tutti i suoi numerosi monumenti nazionali, alla Rio Barocca, colonizzata dai portoghesi, capitale dal 1763 al 1960, piena di alcuni dei migliori esempi dell’arte barocca sacra brasiliana.

La sua Cattedrale Metropolitana a forma conica e tronca al vertice, costruita nel 1979, in grado di ospitare all’interno fino a 20.000 persone. Le sue vetrate multicolori sui quattro punti cardinali filtrano la luce creando un clima mistico, con l’immagine del Cristo sospesa da cavi d’acciaio. Non si può dimenticare il Maracanà, lo stadio inaugurato nel 1950 per il Primo Campionato Mondiale di calcio, dove si possono sentire le emozioni più forti che il calcio, praticato a livello competitivo, procura.

Ciò che procura le maggiori emozioni è il Carnevale di Rio, che riunisce emozioni, creatività, plasticità, colori, suoni, fantasia. Senza dubbio alcuno è la più grande manifestazione popolare al mondo, espressione unica della mescolanza che costituisce la cultura brasiliana e che ha come scenario il Sambodromo, la Passarela do Samba, progettata dal famoso architetto Oscar Niemeyer. Migliaia le persone che sfilano davanti ad un pubblico in estasi, indossando costumi fantastici, carri allegorici con eccezionali effetti scenografici e la musica: il samba enredo, la colonna sonora, il filo conduttore della storia.

Per finire come non parlare delle spiagge di Rio de Janeiro, sinonimo di allegria, e dove la vita della città si anima, affollate in ogni periodo dell’anno, di giorno e di notte, e fonte di ispirazione per poeti ed artisti. Copacabana è la spiaggia più famosa del mondo, fiancheggiata da un indimenticabile marciapiede dove si incontrano tutte le razze del mondo che con allegria sorseggiano birra alla spina, caipirinha o acqua di cocco.

Ipanema fu resa famosa per la celebre canzone Garota de Ipanema di Tom Jobim e Vinicius de Moraes, sempre piena di venditori ambulanti, con i piccoli chioschi dove la canna da zucchero viene tritata e spremuta dai denti di rumorosi ingranaggi azionati a mano come vecchie pianole: il un succo è molto buono regala un profumo leggero e inconfondibile, un pò aspro e con lo stesso aroma del liquore alla base della caipirinha, il cocktail brasiliano più famoso.

Ipanema è separata da Copacabana dall’Arpoador, una roccia che si estende nel mare e funge da spartiacque. La notte a Rio è un’esperienza unica. La città è in grado di soddisfare gusti ed esigenze di ogni tipo: teatri, cinema, discoteche, discobar, jazz club, gafieras (sale da ballo tipicamente brasiliane), concerti.

Nelle vicinanze di Rio de Janeiro molti i luoghi di interesse, sia storico che paesaggistico: Niterai (20 km.): Cidade irmala, città sorella, si raggiunge in soli 20 minuti (in barca o attraversando il ponte sulla baia di Guanabara), dove si può visitare il Museo di Arte Contemporanea, progettato da Oscar Niemeyer, colui che progettò il Sambodoromo, e ospita una ricca collezione di arte contemporanea.

Petropolis (68 km.): Posta a 910 mt. slm., l’ex residenza estiva dell’Imperatore Pedro II. All’interno del palazzo Imperiale vi è il Museo dove sono custoditi oggetti, gioielli, mobili, abiti della famiglia imperiale. Di particolare rilievo la Cattedrale Sao Pedro de Alcantara, la Casa di Santos Dumont (inventore dell’orologio da polso), il Palazzo della Principessa Isabella. Teresapolis (80 km.): deve il suo nome a Teresa Cristina Maria, moglie di Pedro II. La strada che la collega ad Itaipava ha angoli di rara bellezza.

Cerchi un b&b a Rio de Janeiro? Prova a cercare su Booking.com

Cerchi un Hotel a Rio de Janeiro? Cercalo su Hotels.com!

Prenota il tuo Volo Low per Rio de Janeiro con eDreams!

Resta Aggiornato: Iscriviti Alla Newsletter

Check Also

parco nazionale galles brecon beacons

Brecon Beacons National Park

Il Brecon Beacons National Park si estende con i suoi 1344 km² per 72 km …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *